Magas Srl: una rete di servizi per partecipare alle gare d’appalto

Marco Gasparri è fondatore ed amministratore della Magas Srl, una società di consulenza tecnica ed organizzativa al servizio delle aziende che vogliono partecipare a gare d’appalto pubbliche e private. La  Magas s.r.l.  esegue  inoltre analisi di mercato su tutte le categorie merceologiche: Energia e Commodities, Servizi Energetici, Servizi agli Immobili e real estate, Beni e servizi in Sanità, Beni e servizi generici

La Magas S.r.l. di Marco Gasparri è una società italiana di consulenza Direzionale, tecnica ed organizzativa, che supporta i propri clienti a strutturare l’Ufficio di Ingegneria di Progetto necessario per partecipare a gare pubbliche e private. La progettazione, sia tecnica che economica, può essere anche offerta “chiavi in mano” per le singole iniziative di gara.

La Magas S.r.l. di Marco Gasparri esegue inoltre analisi di mercato su tutte le categorie merceologiche: Energia e Commodities, Servizi Energetici, Servizi agli Immobili e Real Estate, Beni e servizi in Sanità, Beni e servizi generici, individuando nuove potenzialità di sviluppo per i propri Clienti, supportandoli nella creazione di strategie di aggressione ed espansione su nuovi Mercati.

La Magas S.r.l. ha pensato per i propri Clienti un ulteriore servizio strettamente legato ai servizi Direzionali, tecnici ed organizzativi: la progettazione e la revisione della immagine aziendale.

Questa attività, offerta ai clienti della Magas S.r.l., è  strettamente legata ai servizi di consulenza direzionale di strutturazione dell’Ufficio di Ingegneria di Progetto ed in generale alla progettazione tecnica di gara, attraverso la quale i Clienti della Magas offrono i propri beni e/o servizi al Mercato.Infatti l’Azienda Cliente della Magas S.r.L., nello sviluppare l’attività di progettazione attraverso il proprio Ufficio di ingegneria di Progetto, elabora proposte tecniche ed organizzative al Mercato di riferimento su come intende fornire i propri beni ed i propri servizi.

Nel far ciò l’Azienda va a definire tutta una serie di attività e procedure che devono essere strettamente legate all’immagine che l’azienda comunica attraverso i propri canali informativi quali: sito web, brochure, Facebook, Linkedin, Twitter, blog, etc.

E’ quindi importante, al fine di comunicare in maniera corretta, chiara, univoca e coerente, studiare un messaggio che sia convincente sulla efficacia ed efficienza dei propri beni e servizi. E’ altresì fondamentale che ci sia una corrispondenza biunivoca, sia grafica che di contenuti editoriali, tra quanto traspare sui canali comunicativi dell’azienda e su quello che è proposto dall’azienda stessa ai potenziali acquirenti dei propri beni  servizi.

Per questo la Magas S.r.l., che imposta e supervisiona tutta l’attività di progettazione del cliente, propone al cliente stesso di seguire anche l’attività di comunicazione e di progettazione dell’immagine, affiancandola all’attività primaria di strutturazione dell’Ufficio di Ingegneria di Progetto:

I nuovi servizi complementari proposti, inerenti la revisione grafica ed editoriale  dell’immagine della azienda-cliente, coerenti a quanto proposto nell’attività di progettazione delle proposte tecniche di gara, sono:

Web Design Aziendale

Progettazione grafica ed editoriale delle brochures aziendali

Revisione del logo aziendale

Stesura di contenuti editoriali per convegni, articoli, social media content (Facebook, Linkedin, Twitter…)

Presentazioni aziendali varie

Tendenza al ribasso per i Bitcoin

Cosa sta succedendo al Bitcoin? La valuta virtuale più famosa e diffusa al mondo, sta continuando a stabilire record in fatto di tendenza al ribasso. Un ribasso che, fin ai giorni scorsi, sembra si stia tirando dietro anche altre importanti criptovalute, come Ethereum. L’unica che sta cercando di ‘difendersi’ relativamente bene è la Ripple. Cosa dicono gli analisti a proposito, e cosa devono temere i possessori di queste monete virtuali? Gli esperti, pare abbiano già individuato quello che potrebbe essere il diretto responsabile di questo momento ‘no’ del mercato delle valute digitali: si tratterebbe dell’hard fork di Bitcon Cash e, per l’esattezza, il rialloccamento da parte di Roger Ver (a capo della mining pool Bitcoin.com), del proprio hash power per supportare una delle due chain sviluppatesi dal fork di Bitcoin Cash, la Bitcoin ABC. Questo quindi, sarebbe il motivo principale del momentaneo ribasso sul mercato. Per fortuna, tutto sta tornando nei giusti ranghi, ma ciò che è accaduto, ha avuto come effetto principale quello di creare forte apprensione soprattutto da parte dei potenziali investitori. E’ probabile che – sempre stando alle stime degli esperti analisti – il Bitcoin vedrà ancora qualche altra tendenza al ribasso. Ma qui si aprono due strade percorribili: da una parte coloro che sostengono la tesi più allarmista, e cioè che il Bitcoin si abbasserà fino a toccare i 4,500/5,000 dollari, dall’altra invece, coloro che prevedono invece un innalzamento del valore del Bitcoin che potrebbe arrivare addirittura a toccare entro la fine di quest’anno i 15,000 dollari. Tra questi, c’è Tom Lee, analista di Wall Street ed esperto del mercato dei Bitcoin e criptovalute, che prevede uno smaltimento degli effetti del fork di Bitcoin in tempi molto più rapidi di quel che ci si aspetta. Come si sta muovendo il mondo degli exchange? In questo momento non sono disponibili né operazioni di prelievo né di deposito, ma restano comunque attivi gli scambi. In alcune tra le più importanti piattaforme di exchange, è stato pubblicato un disclaimer che spiega agli investitori i motivi di tali cautele. Eccone uno stralcio:
– Non esistono Wallet che supportino la protezione contro il replay attack (state attenti!)
Non c’è supporto per quanto riguarda i block explorers
– La sopravvivenza della chain non è garantita al 100%
– La supply è limitata a causa della scarsità di wallet
– Chi detiene tanti BSV ha fatto notare che li venderà appena possibile
Su una cosa però, gli analisti si trovano d’accordo: le criptovalute rappresentano il futuro e per poter concretizzare il loro enorme potenziale, avrebbero bisogno di investitori istituzionali. Speriamo che questo appello sortisca i giusti effetti.